L’esperienza del MioEquilibrio® “A Distanza” si trasforma in “Vicinanza”

L’esperienza del MioEquilibrio® “A Distanza”

si trasforma in “Vicinanza”

Resilienza e Nuove Prospettive

Quando é iniziata la quarantena, il mio lavoro, i corsi e gli stage si sono improvvisamente interrotti, tutto si é fermato e congelato per l’emergenza sanitaria. Le persone che stavano seguendo i corsi di MioEquilibrio per problematiche particolari o per prevenzione iniziano a propormi di farlo on line, in particolare Chiara, insegnante di matematica alle medie, che stava utilizzando la didattica a distanza con i suoi studenti. Ero molto restia, non riuscivo a pensare che un lavoro sul corpo basato sul sentire, sulla percezione, sull’ascolto e sulla relazione si potesse fare “on line”.

Ma poi inizio a pensare che voglio fare qualcosa per aiutare le persone, sento forte il desiderio di dare il mio contributo professionale con ciò che so fare da 20 anni. La paura é un’emozione primaria che ha anche lo scopo di proteggerci ma durante questo periodo si era trasformata in panico e ciò ha creato molte somatizzazioni non solo fisiche ma anche psicologiche come ansia, attacchi di panico e depressione. Per cui il lavoro sul proprio corpo, sulla proprio casa primaria, e sulle tensioni in esso creatosi poteva donare benessere permettendo di scaricare la mente e liberare il corpo.

Sentire la libertà del corpo durante la chiusura in casa é stato molto importante per restare centrati in un momento di così grande confusione, paura ed instabilità.

E allora é iniziata l’avventura delle sessioni su Facebook, la prima volta con grande timidezza, abituata a trovarmi in cerchio con le persone, a guardarle negli occhi, a condividere, a massaggiare alcune parti mentre loro facevano gli esercizi, abituata ad interagire…ed ora mi trovo sola di fronte ad una telecamera, di fronte ad uno schermo che mi dice che le persone si stanno collegando. E poi iniziano i messaggi e le persone iniziano ad interagire con gioia con me e tra di loro e scatta l’entusiasmo, l’entusiasmo di ritrovarsi insieme per prendersi cura di sé ed il contesto, anche se virtuale ed apparentemente freddo, si trasforma in un clima caldo ed accogliente dove ognuno si sente a proprio agio mentre la mia voce li conduce con cura, chiarezza e delicatezza negli esercizi per scaricare e sciogliere le tensioni fisiche ed emotive, liberare il respiro e ritrovare armonia e fluidità.

Ed ecco alcune frasi che le persone mi hanno inviato e che mi hanno convinta a continuare on-line per tutto questo periodo, trasformando le sessioni su Fb in sessioni su Zoom dove é possibile vedersi reciprocamente, dove le persone mi possono dire come stanno, cosa sentono ed io posso seguirle negli esercizi con cura ed attenzione:

“Elisa ti voglio ancora ringraziare per quello che stai facendo …tu non hai idea di come mi senta stamattina sto talmente bene rilassata felice, grazie grazie ancora.” Claudia G.

“Io soffro di acufene orecchio sx che oggi era anche al dx e stringo la mandibola in maniera esagerata per via della tensione…ti dirò molto meglio ed è molto allentato il fischio!!! Grazie cara. GRAZIE”

“Grazie Elisa! Adesso ho capito cos’è quel dolore alla mandibola, e oggi l’ho rilassata.”

“Grazie!!! Mi sento il viso liscio e giovane!! Gli occhi grandi e la mandibola morbida…wow!!!! Molta connessione con il mio corpo fluido💓”

“Grazie Elisa per regalarci questo tuo tempo x farci stare meglio!!! Mi sento molto più centrata”.

“Mi sento più sciolta e allegra. Grazie mille Elisa, stai dando un grande contributo al mio benessere. Non vedo l’ora che arrivi il sabato pomeriggio per fare questo lavoro con te.”

“Grazie Elisa! mi arriva tanta buona energia e un senso di libertà! Un piccolo paradiso ritrovato!”

“Bellissima sessione, non avevo ancora mai lavorato su bacino e gambe così in profondità. Grande beneficio per i miei soliti problemi! Grazie!”

“Sento la presenza di ogni parte del mio bacino compresi i glutei… Fantastico! 😍

 mi sento liberaaaa:))) Grazie Elisa😘”

“Grazie! E’ un grandissimo regalo che ci fai!”

“Grazie grazie grazie, è stato come ritornare a casa, sono leggera e gioiosa”

“Possiamo sentire parti del corpo mai sentite, scoprire punti di tensione che non conoscevamo, percepire movimenti nuovi.”

E ancora…

“Mioequilibrio al tempo del Covid-19. Con questo mirabile strumento di introspezione emotiva, insieme al divenire sempre più consapevole del collegamento/sinergia tra ogni singola parte del corpo, il mio percorso é iniziato circa due anni fa. Prima saltuariamente per via della distanza e successivamente con cadenza mensile e stages. Tutto ciò conseguente all’importanza di voler personalmente trovare un po’ di persone, per far riaprire il centro a Mesola di Maria Elisa. Così é stato e così è… Tutto é partito o meglio decollato, in giro di poco… Il mio sentire mi ha stimolata verso il poter realizzare l’opportunità di “crescere” con questo tipo di terapia, non così distante da casa mia. È arrivato poi il tempo del Covid-19 e tutto cambia nel turbine emotivo conseguente ed é venuto meno, quel nutrimento particolare ed unico dell’ascoltarsi nell’ascoltare, dell’ascoltare nell’ascoltarsi, attraverso il corpo in contatto con il centro emotivo, nella vicinanza fisica e condivisione di sé. Ecco che Maria Elisa, ha fatto del suo strumento di contatto fisico/sensoriale ed intimo, un nuovo paradigma, dove tutto poteva “essere nel divenire”, grazie ad una nuova modalità capace di riunire: internet. Il ritrovarsi, lavorare su di sé e raccontare l’esperienza vissuta, in quelle ore in diretta, ognuno a casa sua e contemporaneamente dentro alla casa dei presenti, finalmente insieme!Il tutto é partito con la sua disponibilità tramite Facebook ed il limite del non poterci vedere né sentire vocalmente, come per noi, il poter vedere solo lei e non gli altri collegati, l’ha guidata verso una nuova possibilità/opportunità di sessioni, tramite piattaforma. Ed ecco riattivato quel costante e continuo “nutrimento”, che giunto come prima volta esperienziale, va al di là delle molteplici restrizioni e reclusione di ogni tipo ed al di sopra del distanziamento sociale indotto. Dentro il fluire lento, tra circostanze avverse ed incomprensibili, l’amore, la passione, l’intuito, l’attenzione, la creatività e la volontà di Maria Elisa, si è ancora ed ancora manifesta in forma insolita, nell’albeggiante possibilità di ritrovare persone e conoscerne nuove, come succede a Mesola. Il non essermi “persa” per la strada del Covid-19, é nell’aver avuto chiara la mia personale direzione, riconoscendo,  godendo, gustando e respirando a pieni polmoni, questa ulteriore opportunità che ha “espanso” il potere di guarigione armonica di MioEquilibrio. Maria Rita Scrignoli

“Ho accettato di fare mioequilibrio in virtuale solo per necessità inizialmente. Come ricordi mi ero rifiutata all’inizio di partecipare sia in fb sia su zoom. Già il lavoro in smartworking mi teneva per necessità incollata ad un video per fare tutto, compreso le videoconferenze per interloquire con le altre persone con cui lavoro. Poi avevo troppo male alle articolazioni e cosi ho abbandonato il pregiudizio. Ho scoperto che con zoom dove si ha modo di interagire con te e con le altre persone del gruppo si crea una sorta di intimità, c’è una relazione tra umani. Ci si sente partecipi di un gruppo che ha obiettivi e desideri comuni. È chiaro che tutto è veicolato tramite te che sei una persona empatica e trasmetti una grande umanità e forza, aspetto fondamentale. Poi nel gruppo con alcune persone ci si conosce, si è contente di ritrovarci. Si è parte di un gruppo che ha una storia di fisicità grazie all’esperienza condivisa in via irnerio o a Pianoro o a Mesola. Se non ci fossero precedenti esperienze fisiche non saprei come sarebbe. Ci sarebbe più distanza penso tra le partecipanti al gruppo. Su facebook poi è un’altra storia ancora facilitata a mio parere dal conoscersi e dal lavoro precedente fatto in luoghi fisici e non solo virtuali”. Patrizia Gigante

“Le sessioni di Mio Equilibrio a distanza sono state una scoperta bellissima, e sono riuscite a creare spazio e tranquillità anche durante la quarantena. Anzi, trovo che l’assenza degli spostamenti abbia permesso di godere più a lungo degli effetti benefici di ogni sessione, eliminando gli stress legati ai trasferimenti. Esperienza da valorizzare anche al ritorno alla normalità”. Patrizia Persi

E così il lavoro sul corpo con il MioEquilibrio é continuato nelle case delle persone e ognuno ha potuto mantenere il propio spazio di cura di sé, del proprio corpo e delle proprie emozioni e la cosa più bella é che si é creata vicinanza emozionale in un momento di distanziamento, di solitudine e di non contatto…Aspettavamo il sabato pomeriggio con desiderio ed entusiasmo perché la sessione di MioEquilibrio era un nutrimento affettivo per il corpo e l’anima.

Ora i corsi stanno continuando sulla piattaforma Zoom il martedì dalle 18.00 alle 20.00 e il giovedì dalle 21.00 alle 23.00. Per informazioni ed  iscrizioni potete contattarmi scrivendo a info@mioequilibrio.it.

Maria Elisa Marchiani

Rispondi

Scroll to top
×

Powered by WhatsApp Chat

× Posso aiutarti?